Bologna | La passione di Cleopatra. Visioni e maschere di Arnaldo Pomodoro

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Arnaldo Pomodoro - Modellino della scena con la biga di Ottaviano, scala 1:20, fiberglass, legno e piombo patinato (foto Pietro Carrieri)

Modellino della scena con la biga di Ottaviano, scala 1:20, fiberglass, legno e piombo patinato (foto Pietro Carrieri)

Al Museo della Musica di Bologna, dal 24 giugno al 18 settembre 2016, è aperta al pubblico la mostra “La passione di Cleopatra. Visioni e maschere di Arnaldo Pomodoro“.
L’esposizione presenta i materiali progettuali (disegni, maschere, ornamenti, modellini di scena) realizzati da Arnaldo Pomodoro per la messinscena de La passione di Cleopatra del poeta egiziano Ahmad Shawqi.
L’opera, con la regia di Cherif e le musiche di Paolo Terni, venne rappresentata sui ruderi di Gibellina nell’estate del 1989 nell’ambito delle Orestiadi, rassegna internazionale di teatro, musica e arti visive, che si tiene ancora oggi nel paese in provincia di Trapani ricostruito dopo il terremoto che sconvolse la valle del Belice nel 1968.

La mostra racconta una tappa fondamentale di quel viaggio straordinario che Arnaldo Pomodoro ha compiuto nell’arco di un cinquantennio nella progettazione scenica di oltre quaranta spettacoli, dalla tragedia greca al melodramma, dal teatro contemporaneo alla musica, dalla Caterina di Heilbronn di Kleist – sul Lago di Zurigo nel 1972 con la regia di Luca Ronconi – alla trilogia dell’Orestea di Emilio Isgrò, da Eschilo – messa in scena sulle rovine di Gibellina tra il 1983 e il 1985 con la regia di Filippo Crivelli – fino al dittico Cavalleria rusticana di Mascagni e Šárka di Janáček al Teatro La Fenice di Venezia nel 2009 con la regia di Ermanno Olmi.

In mostra è possibile ammirare i sontuosi ornamenti di accompagnamento ideati dal maestro, visionarie maschere in bronzo (per Cleopatra, Marcantonio, Cesarione e altri personaggi della pièce), armature, pettorali, elmi da parata, gioielli monumentali, modellini di scena.
A cornice degli splendidi apparati sono esposti nelle sale museali volumi a tema e libretti d’opera selezionati dalla collezione libraria del Museo.

La mostra, realizzata grazie alla collaborazione della Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano, è organizzata dall’Istituzione Bologna Musei/Museo internazionale e biblioteca della musica e dal Museo Civico Archeologico.

Share.

Comments are closed.