Il fumetto asiatico in mostra a Palazzo delle Esposizioni di Roma

Star Punch Girl © Sphinx Scribble - Fumetto asiatico
Star Punch Girl © Sphinx Scribble – Fumetto asiatico

Palazzo delle Esposizioni di Roma ospita, fino al 21 gennaio 2018, la mostra “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics”, a cura di Paul Gravett.

L’esposizione presenta una vasta e importante selezione di tavole originali e volumi di fumetti asiatici, molti dei quali esposti di rado persino nei paesi d’origine.

Partendo dalle radici storiche per arrivare fino alle più recenti innovazioni digitali, la mostra offre un’interessante panoramica della cultura del fumetto in Asia riservando una particolare attenzione agli autori e ai personaggi più celebri, senza trascurare le riviste, le graphic novel, i prodotti multimediali e altri temi collegati.
Inoltre, si concentra sul processo creativo che sottende alla produzione di un fumetto, offrendo in visione le sceneggiature, gli schizzi e i layout delle pagine finite.

Si può esplorare l’intero territorio di questo nuovo continente del fumetto asiatico attraverso opere provenienti da Giappone, Corea del Nord, Corea del Sud, India, Cina, Taiwan, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Filippine e Singapore, nonché dalle scene emergenti come quelle di Buthan, Cambogia, Timor Est, Mongolia e Vietnam.

La mostra è articolata in sei percorsi tematici: Mappare Mangasia introduce i visitatori nel mondo del fumetto asiatico presentandone stili e generi; Favole e folclore analizza il rapporto tra fumetti, leggende e religioni dei vari paesi; Ricreare e rivisitare il passato presenta i fumetti che raccontano episodi storici del passato e del presente; Storie e narratori apre una finestra sulla realtà degli autori di fumetti, sottolineando le differenze tra i vari paesi; Censura e sensibilità è dedicato ai fumetti dai contenuti più controversi riguardanti la politica, la sessualità e la violenza; Manga multimediali è una celebrazione del fumetto come parte integrante della cultura transmediale globale e fonte d’ispirazione per gli anime, il cinema, la moda e l’arte contemporanea.

In occasione della mostra sono in programma laboratori d’arte per bambini e ragazzi, proiezioni cinematografiche e conferenze.