Revolution, dai Beatles a Woodstock – Mostra alla Fabbrica del Vapore di Milano

‘Harlem Peace March (New York City, 1967)’, 1967 Builder Levy © Victoria and Albert Museum - Mostra Revolution
‘Harlem Peace March (New York City, 1967)’, 1967 Builder Levy © Victoria and Albert Museum – Mostra Revolution

Arriva a Milano dal 2 dicembre fino al 4 aprile 2018, negli spazi della Fabbrica del Vapore, la mostra “ Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock”.

L’esposizione presenta oltre 500 oggetti-testimonianze di momenti, vite eccezionali, canzoni che hanno segnato la storia, abiti che hanno fatto tendenza (e scandalo), film indimenticabili, attimi che potremo rivivere.

La mostra, curata da Victoria Broackes e Geoffrey Marsh, insieme a Fran Tomasi, Clara Tosi Pamphili e Alberto Tonti, è un percorso esperienziale fatto per avvolgere i visitatori di atmosfere, oggetti, memorabilia, design, arte, grafica e soprattutto dalla musica di quegli anni anche grazie al sofisticato sistema audioguide Sennheiser.

Un viaggio che ripercorre gli ambiti in cui le rivoluzioni di quegli anni ebbero luogo: la moda, la musica, le droghe, i locali e la controcultura; i diritti umani e le proteste di strada; il consumismo; i festival; le comunità alternative. Da Carnaby Street a Londra agli hippy di Haight-Ashbury, dall’innovazione tecnologica della Bay Area alle proteste del maggio francese, dalle comuni sparse in tutta l’America ai festival di Woodstock e dell’Isola di Wight, questi anni furono caratterizzati da un idealismo ottimista che spingeva le persone a far fronte comune per sovvertire le strutture di potere in ogni sfera della società.

La travolgente onda della cosiddetta “ Revolution ” arriva dall’Inghilterra e porta con sé cambiamenti radicali che vanno dalla crescente attenzione per i diritti umani, al multiculturalismo e a nuove politiche neoliberali, passando per il boom scientifico e ovviamente la musica, la moda e l’arte in generale. In Gran Bretagna, in quei cinque anni rivoluzionari, nascono grandi nomi di band come i Beatles, i Rolling Stones e gli Who tra tanti altri, e alcune delle personalità più eccentriche e rivoluzionarie di quei tempi come le top model Twiggy e Jean Shrimpton, Mary Quant, inventrice della minigonna, John Cowan, il fotografo che presta il suo studio ad Antonioni per girare “Blow Up”, mentre le città si animano sempre più di una variopinta umanità che insegue le tendenze del momento.

La rivoluzione nella moda è il segno più visibile del cambiamento di quegli anni, il modo più immediato per comunicare agli altri le proprie scelte: il rifiuto delle regole imposte, la volontà di non essere come i padri e le madri.
In mostra anche l’espressione del tempo nella moda italiana: insieme alle immagini di Blow Up e nella passeggiata in Carnaby Street una serie di abiti evidenziano l’emulazione ma anche la capacità artigianale, unica del made in Italy, che crea la trasgressione senza mai dimenticare la qualità.

La mostra, accompagnata da un catalogo edito da Skira, è promossa e coprodotta dal Comune di Milano-Cultura, Fabbrica del Vapore e AvatarGruppo MondoMostreSkira, in collaborazione con il museo londinese.