Home Libri Anna D’Elia - La scimmia di Degas

Anna D’Elia – La scimmia di Degas

Anna D’Elia - La scimmia di DegasLa Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, mercoledì 11 aprile 2018 alle ore 17.30, nella Sala delle Colonnela presenta il libro di Anna D’Elia dal titolo La scimmia di Degas, edito da Giazira Scritture.

- Advertisement -

L’iniziativa rientra nel ciclo di incontri Narrare l’arte, ideati con lo scopo di restituire sotto forma di romanzo la vita e l’opera di alcuni artisti, ricostruendo non solo la cornice storica e culturale dell’epoca, ma anche i luoghi in cui i personaggi vivevano, in un appassionante intrecciarsi di relazioni, tra arte, cronaca e finzione.

Protagonista del libro di Anna D’Elia è un Edgar Degas che, posseduto dal demone della perfezione, parla in prima persona e intreccia i suoi ricordi alle vicende storiche e artistiche dell’Impressionismo di cui fu protagonista.
Nel romanzo è centrale la relazione di sguardi che s’instaura tra il pittore e la sua modella Nannina, relazione da cui scaturisce un gioco incrociato di metamorfosi in cui il pittore si riconcilia con il suo lato oscuro e la modella ritrova se stessa, scoprendo la sua originaria forza creatrice. Tra le righe emerge la storia del difficile percorso compiuto da Degas per rompere con la tradizione e imporre un modello di bellezza, in cui la nuda verità dei corpi è assunta a fondamento di un nuovo umanesimo.

Anna D’Elia, già docente di Pedagogia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Bari, è critica d’arte e narratrice. Attenta ai rapporti tra arte e letteratura, ha pubblicato il saggio- racconto su Luigi Ghirri, Fotografia come Terapia (Meltemi 2018). Tra i suoi libri: Pino Pascali ( Electa 2010); L’Universo Futurista, una mappa dal quadro alla cravatta (Dedalo 1989); Le Città Visibili (Congedo 1990); Diario del Corpo (Unicopli 2002); Nello Specchio dell’Arte (Meltemi 2004); Per non voltare pagina (Meltemi 2007). Tra le mostre che ha curato: “Pino Pascali su commissione” (1983); “Artronica” (1987); “Archia” (1987); “La Pietra e i Luoghi” (1987); “Pensare la Città” (1994). Ha collaborato con il Centre Pompidou per la mostra “La Ville” (1994); con il Reina Sofia per “Pino Pascali: la reinvención del mito mediterraneo” (2002); con la Fondazione Pascali e la Biennale di Venezia per la mostra “Pino Pascali. Ritorno a Venezia” (2011).

- Advertisement -

MUSICA

TELEVISIONE