Quasi nemici, un film con Daniel Auteuil – Recensione

Una scena del film Quasi nemiciSeguendo uno schema ormai consolidato, Quasi nemici trova la sua struttura drammatica nell’opposizione frontale tra due figure agli antipodi, lontanissime per età, etnia, religione, ceto sociale, temperamento: un docente universitario di diritto cinico e sprezzante, che pratica la provocazione per rimarcare la distanza tra sé e gli altri, e una studentessa di origine maghrebina, cresciuta nella banlieue.

Come da prassi, il confronto che si crea tra i due evolve dall’iniziale diffidenza e ostilità al progressivo avvicinamento e alla comprensione reciproca: un percorso che, per entrambi, diviene un itinerario di scoperta e di crescita, di superamento dei pregiudizi.

Costretto a farsi mentore della giovane allieva, il professor Mazard la inizierà all’arte dell’eloquenza e della declamazione (il rapporto tra Pierre e Neila viene a replicare, in un certo modo, quello tra il grande attore Daniel Auteuil e la quasi esordiente Camélia Jordana). La ragazza potrà appropriarsi dell’arma della parola, e acquisire la capacità di convincere gli altri della giustezza delle proprie opinioni. Questo le consentirà di vincere la tentazione del vittimismo a cui sembrava condannarla l’appartenenza a un milieu tutt’altro che privilegiato.

Il fuoco di fila delle provocazioni verbali a cui s’abbandona compiaciuto il maturo docente, l’irrisione delle idee preconcette e dei logori luoghi comuni che il pensiero dominante contrabbanda per verità inconfutabili, vengono dunque ad assumere, nella pellicola, un ruolo liberatorio e salutare – da cui, ahimé, Yvan Attal non sa trarre un adeguato profitto, frenato com’è da un eccesso di cautela. E così, se l’incontro iniziale tra i due protagonisti lasciava pur sperare in una commedia dissacrante e spavalda, sanamente e politicamente scorretta, il proseguo del film si adagia su una narrazione sin troppo facile e prevedibile, convenzionale e priva di incisività.

Nicola Rossello

Scheda film

Titolo: Quasi nemici. L’importante è aver e ragione
Regia: Yvan Attal
Cast: Daniel Auteuil,Camélia Jordana, Yasin Houicha, Nozha Khouadra, Nicolas Vaude
Durata: 1 h 45
Genere: Commedia
Distribuzione: I Wonder Pictures
Data di uscita: 11 ottobre 2018

Quasi nemici – Guarda il trailer