Alla GAMeC di Bergamo la mostra “Black Hole”

Lucio Fontana, Concetto Spaziale, Natura, 1959-60, Bronzo, cm 39x44x48 - © Fondazione Lucio Fontana - Foto: © Fondazione Lucio Fontana © Fondazione Lucio Fontana, Milano by SIAE 2018
Lucio Fontana, Concetto Spaziale, Natura, 1959-60, Bronzo, cm 39x44x48 – © Fondazione Lucio Fontana – Foto: © Fondazione Lucio Fontana
© Fondazione Lucio Fontana, Milano by SIAE 2018

La GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, dal 4 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019, presenta “Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile“, prima mostra di un ciclo espositivo triennale dedicato al tema della materia, ideato da Lorenzo Giusti e sviluppato insieme a Sara Fumagalli, con la consulenza scientifica del fisico Diederik Sybolt Wiersma e la partecipazione di BergamoScienza.

Attivando un dialogo con la storia delle scoperte scientifiche e tecnologiche e un confronto con lo sviluppo delle teorie estetiche, Black Hole rivolge lo sguardo al lavoro di quegli artisti che hanno indagato l’elemento materiale nella sua più intrinseca valenza, laddove il concetto stesso di “materiale” si infrange per aprirsi a un’idea più profonda di “materia” come elemento originario, come sostanza primordiale costituente il tutto.

In particolare, l’esposizione intende raccontare questa dimensione attraverso tre diverse restituzioni: quella di chi ha guardato all’elemento materiale, concreto, come a un’entità originaria, precedente o alternativa alla forma; quella di chi ha interpretato la natura umana come parte di un più ampio discorso materiale e quella di chi, nel processo di penetrazione della materia, si è spinto nel profondo, ai confini della materialità stessa, cogliendone la dimensione infinitesimale ed energetica.

Attraverso una ricca selezione di opere realizzate tra la fine dell’Ottocento e i giorni nostri, il percorso espositivo illustra, all’interno di un’unica visione integrata, questa preziosa dialettica, oscillante tra la materialità dell’Informe e la materialità dell’Invisibile, poli soltanto apparentemente antitetici e in realtà coesistenti e complementari.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da GAMeC Books.