Nebraska – Un’odissea familiare – Film su Rai5

Nebraska

Nebraska” è il film di Alexander Payne che racconta la storia di un padre e un figlio, in onda martedì 19 marzo 2019 alle ore 21.15 su Rai5.

Un padre e un figlio portano la commedia americana on the road sulle strade di un evanescente Midwest e sulle tracce di un’improbabile fortuna, alla ricerca anche di una comprensione reciproca che un tempo era sembrata impossibile. Questa è la storia della famiglia Grant di Hawthorne, Nebraska. Trapiantato a Billings, nel Montana, il testardo e taciturno Woody (Bruce Dern nel ruolo che gli ha fatto ottenere il premio come miglior attore a Cannes) ha ormai fatto il suo tempo, che per la verità non è stato un granché, e forse si sente un pò inutile, ma è convinto di aver ricevuto un grosso colpo di fortuna: una lettera che gli comunica di essere il fortunato vincitore del jackpot di una lotteria pari a un milione di dollari.

Per reclamare i suoi soldi, Woody insiste di doversi recare immediatamente presso gli uffici della società che gestisce la lotteria a Lincoln, in Nebraska. Un viaggio di 1.200 chilometri che pare molto complicato da affrontare, visto che lui riesce appena a trascinarsi per qualche isolato, e comunque fermandosi spesso a bere qualcosa. Preoccupato per lo stato mentale del padre, tocca a David (Will Forte), il figlio riluttante e perplesso di Woody, accompagnarlo in quel viaggio all’apparenza ridicolo e senza scopo. Eppure il loro strano viaggio finisce col trasformarsi in una specie di moderna odissea familiare.

Quando Woody e David faranno una sosta nella loro cittadina di origine, Hawthorne la storia della fortuna di Woody lo farà sembrare per un momento un eroe che fa ritorno a casa. Poi farà uscire allo scoperto gli avvoltoi. Ma servirà anche ad aprire uno spiraglio sulle vite sconosciute dei genitori di David e su un passato più animato di quanto lui abbia mai immaginato.

Girato in bianco e nero, in un cinemascope che riflette la cupa bellezza delle cittadine americane e il contrasto tra i momenti divertenti e quelli commoventi della storia, il film contiene ironiche riflessioni sul tema della famiglia e sui suoi enigmi, su delusione e dignità, sull’autostima e sul semplice desiderio di riscatto.

Alexander Payne ha tratto ispirazione anche da quella che è diventata un’esperienza comune in una società come la nostra, sempre più composta da persone anziane: osservare i genitori che invecchiano in un modo che può rivelarsi allo stesso tempo contraddittorio e rivelatore. “Essendo anch’io figlio di due genitori anziani, mi è stato facile identificarmi con David. Ovviamente non ho mai vissuto situazioni come la sua, ma conosco quello che prova – racconta -. La cosa che mi è piaciuta molto della storia è il desiderio di David di restituire un po’ di dignità a suo padre. E’ un tema importante che sento molto”.

Premio per la miglior interpretazione maschile a Bruce Dern al 66° Festival di Cannes (2013). Candidato ai Golden Globes 2013 per miglior film, regia, sceneggiatura, attore protagonista e attrice non protagonista a June Squibb. Candidato all’Oscar 2014 per miglior film, regia, sceneggiatura originale, attore protagonista, attrice non protagonista e fotografia.