HomeTelevisione“Meduse”, un film su Rai5 - La trama

“Meduse”, un film su Rai5 – La trama

Meduse

Meduse” è il titolo del film con Sarah Adler, Nikol Leidman, Gera Sandler, Noa Knoller, Ma-nenita De Latorre, che Rai Cultura propone martedì 25 febbraio 2020 alle ore 21.15 su Rai5.

- Advertisement -

Tre storie di donne alle prese con la realtà israeliana raccontate dalla coppia di scrittori Etgar Keret e Shira Geffen (marito e moglie nella vita) che per la prima volta siedono dietro la macchina da presa.

Meduse – La trama

A Tel Aviv si incrociano le storie di varie persone che cercano di cambiare la loro vita, ricominciando ad amare o riuscendo a ricordare o a dimenticare qualcuno o qualcosa.

Keren si rompe una gamba durante il suo ricevimento di nozze ed è costretta a cancellare la sua luna di miele nel Mar dei Caraibi. Nello stesso momento, Batya incontra sulla spiaggia una bambina che inizia a seguirla quasi fosse la sua ombra. La donna la prende sotto la sua ala protettrice e da quel momento la sua vita cambia radicalmente.

- Advertisement -

Joy, invece, è una donna filippina che lavora come cameriera nella casa di una donna anziana e severa. Senza volerlo, Joy riesce a far sì che la donna riesca a riavvicinarsi a sua figlia, con cui ha smesso di parlare da anni.

«In questo film, composto da diverse storie, il mare è l’elemento unificante, una specie d’inconscio collettivo, dove i nostri personaggi possono confrontarsi con loro stessi – affermano i registi Etgar Keret e Shira Geffen -. Le tre trame narrative del film funzionano dunque come le varie sfaccettature di uno stesso stato d’animo. Uno stato esistenziale fatto di solitudine e di desiderio insoddisfatto di comunicazione e di scambio affettivo. I nostri eroi hanno bisogno di un intermediario per esprimere e trasmettere i loro sentimenti. Malka abbraccia Joy, la domestica straniera, per toccare sua figlia Galia. Michaël scopre i desideri e le angosce di Keren, la sua giovane moglie, grazie alla lettera di suicidio scoperta vicino al corpo di una sconosciuta incontrata in un albergo. E Batya riesce a riallacciare i legami col suo passato attraverso una bambina ritrovata sulla spiaggia».

Caméra d’Or alla 46ma Semaine internationale de la Critique (Cannes 2007), dove si è aggiudicato anche il premio Sacd.

- Advertisement -
- Advertisment -

MUSICA

TELEVISIONE